Gestire e motivare i collaboratori: 3 consigli utili

gestire e motivare i collaboratori

Gestire e motivare i collaboratori: parti da queste semplici regole

Una delle problematiche più delicate che l’imprenditore si trova ad affrontare è quella di imparare a gestire e motivare i propri collaboratori. Infatti, che si tratti di un piccolo team o di una squadra con più dipendenti, è importante riuscire a definire una gestione efficiente e una motivazione costante durante tutto l’anno lavorativo.

Come riuscire a gestire e motivare i collaboratori affinché gli obiettivi aziendali vengano raggiunti e affinché si favorisca un clima aziendale piacevole e disteso?

Nel corso della mia esperienza come Advisor e Consulente aziendale ho incontrato diversi manager e imprenditori che, pur avendo letto molti libri di formazione sull’argomento, nella quotidianità non riuscivano a gestire motivare i propri collaboratori in maniera totalmente efficace.

8 casi su 10 rivelavano una mancanza nella definizione dei ruoli e degli obiettivi, della visione e della missione dell’azienda. A questo si univa spesso una strutturazione dell’organigramma aziendale inefficace.

Ecco 3 consigli utili su come imparare a gestire e motivare i collaboratori

  1. DEFINISCI IL RUOLO E LA MANSIONE DI OGNI SINGOLO COLLABORATORE. Prima di qualsiasi altra azione è bene definire ruolo e mansione di ogni singola risorsa all’interno del team e inserirla sia nel contesto specifico del reparto, che in quello generico dell’intero organigramma. Infatti, è molto importante che le 7 aree dell’organigramma aziendale siano tutte coperte. Questo deve verificarsi sempre, anche se il presupposto fosse che una singola risorsa possa avere più compiti e mansioni ed essere, dunque, flessibile e mobile da un reparto a un altro.
  2. FORMAZIONE COSTANTE PER TUTTI I COLLABORATORI. Dopo aver stabilito ruolo e mansione di ogni singola risorsa è necessario fornirle tutte le informazioni relative al proprio lavoro e supportarla con una formazione costante e specifica. Questo vale sia per quanto riguarda il proprio ruolo, sia per insegnarle a “muoversi” all’interno degli altri reparti e con altre risorse dalle mansioni totalmente differenti.
    Infatti, un errore molto comune quando si parla di formazione, è quello di pensare che l’individuo necessiti unicamente della formazione nel proprio ambito. Non si tengono quasi mai in considerazione le difficoltà che la risorsa potrebbe incontrare negli altri reparti e con altri collaboratori.
  3. OBIETTIVI CHIARI, RICONOSCIMENTI E BONUS. Non basta unicamente stabilire il ruolo e la mansione, ma è molto importante dichiarare gli obiettivi da raggiungere nei singoli reparti e per ogni collaboratore. Una volta che tutti i collaboratori avranno chiari i propri obiettivi personali e di squadra, è necessario dotarli di strumenti di misurazione degli stessi, come le statistiche. Nello specifico, questo strumento permette al manager e all’imprenditore di monitorare chiaramente l’andamento della produzione nella singola area. Inoltre, consente di capire se l’obiettivo è stato effettivamente raggiunto e permette al singolo collaboratore di misurare il proprio lavoro.

In che cosa si traduce questo? In una maggiore efficienza da parte del singolo e del gruppo intero per raggiungere gli obiettivi o per sistemare quello che non va.

Quando gli obiettivi vengono raggiunti e si evince un concreto impegno da parte di tutti i collaboratori è necessario dare riconoscimenti pubblici e premiare le singole risorse anche con l’ausilio di bonus, premi di produzione e riconoscimenti.

La produttività è alla base del morale”

Un collaboratore proattivo che vuole il suo bene e quello dell’azienda in cui lavora non può che avere un umore positivo. (approfondisci l’importanza della scala dell’umore in azienda) e, quindi, lavorare meglio ed essere in armonia con gli altri.

Hai bisogno di una guida per gestire e motivare al meglio i tuoi collaboratori?

Vuoi esaminare le varie aree aziendali e scoprire cosa c’è che non va nell’organizzazione del personale?

Scrivimi di cosa ti occupi e le tue necessità: gestire e motivare i tuoi collaboratori in maniera efficace può essere semplice se sai come farlo!

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Altri articoli

rapporto tra banca e impresa

Rapporto tra banca e impresa

Rapporto tra banca e impresa: quando la banca diventa alleato I rapporti con gli istituti bancari e le aziende sono stati, da sempre, oggetto di

Inviami un messaggio

Avvia la Chat
1
Salve, come posso aiutarla?