Rapporto tra banca e impresa

rapporto tra banca e impresa

Rapporto tra banca e impresa: quando la banca diventa alleato

I rapporti con gli istituti bancari e le aziende sono stati, da sempre, oggetto di grandi discussioni e critiche, sia da parte degli amministratori che da parte degli imprenditori. C’è chi ha sempre visto la banca come un grande alleato, grazie al quale è possibile venir fuori da specifiche situazioni finanziare e chi, invece, giura di non affidarsi mai più ad un istituto bancario a causa di svariate problematiche.

Come deve essere considerato il rapporto tra impresa e banca?
Quali sono gli aspetti positivi e quali quelli negativi?
Ci si può fidare, oggi, degli istituti bancari e vale la pena affidar loro le sorti della propria azienda?

Questi e altri interrogativi sono più che leciti e assalgono la maggior parte degli imprenditori e manager con i quali, quotidianamente, collaboro.

La mia risposta è univoca: l’istituto bancario è un istituto il cui compito primario è quello di svolgere un’azione di intermediazione finanziaria con fini di lucro. Questo è un concetto molto importante che pone le basi per far comprendere la natura del rapporto stesso tra imprenditore e banca. Infatti, la banca può diventare il tuo migliore alleato o il tuo peggior nemico, ma tutto dipende da te.

Sì, perché per creare un rapporto sano, duraturo e profittevole con qualsiasi istituto bancario è necessario sottostare ed accettare le regolamentazioni che amministrano le banche e i rapporti di prestito nei confronti delle aziende. In altre parole, l’imprenditore deve essere consapevole che, per ottenere un prestito o un finanziamento, deve presentare la sua azienda nel migliore dei modi e deve fornire le garanzie e i documenti necessari per poter essere preso in considerazione.

Rapporto tra banca e impresa

Per le piccole e medie imprese la principale fonte di finanziamento esterno resta ancora il credito bancario. Per questo, tutti i finanziamenti erogati devono essere adeguati al fabbisogno individuale dell’impresa e commisurati ai rischi. Infatti, è fondamentale scegliere gli strumenti finanziari più appropriati e presentare tutti i documenti e le garanzie che le banche richiedono.

La necessità di un fabbisogno finanziario non nasce solamente all’atto della costituzione o dell’espansione di un’impresa, ma emerge anche quando domanda e fatturato aumentano.

Infatti, un finanziamento potrebbe occorrere alla tua impresa per:

  • aumentare la liquidità
  • aumentare la redditività
  • aumentare l’indipendenza e sicurezza

Tra le varie regole e garanzie per accedere alla concessione di credito da parte della banca vi è la garanzia di liquidità, nonché la pianificazione della stessa. L’istituto bancario vuol essere certo che la tua azienda sappia come utilizzare e pianificare la liquidità. Infatti, la banca può concedere crediti unicamente quando la capacità di restituzione e l’affidabilità creditizia sono comprovate al momento della concessione stessa.

Se recentemente è emersa la necessità di un fabbisogno finanziario, ma sei preoccupato dalla gestione del rapporto con un istituto bancario, oppure vuoi avere la sicurezza di fornire e produrre tutti i documenti utili per accedere ai finanziamenti di cui necessiti, devi organizzare, pianificare e comunicare nel modo giusto.

La banca finanziatrice è un tuo alleato. Un partner che ti concede del denaro confidando nella restituzione con interessi. Per questo motivo ha il diritto di prendere visione della gestione, dei bilanci e di tutti i documenti interni.

Io posso aiutarti: grazie ad una pianificazione finanziaria e ad un’organizzazione amministrativa possiamo rendere profittevole il rapporto tra la tua impresa e la banca.

Parlami della tua azienda, dei tuoi obiettivi e delle tue necessità.

Gestiamo insieme la relazione con la banca per la tua espansione

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Altri articoli

Inviami un messaggio

Avvia la Chat
1
Salve, come posso aiutarla?